Regolamento

La vita scolastica è fondata sul profondo rispetto della persona e sui rapporti necessari per vivere un’autentica esperienza di comunità umana.

Nessuno può fare quello che vuole ma deve dipendere da una serie di regole indispensabili per il corretto andamento della vita scolastica.

L’alunno non deve mai permettersi di mancare di rispetto ai docenti con parole o gesti arroganti.

L’alunno non deve mai mortificare, disprezzare un compagno di classe o della scuola con termini o gesti che offendano la sua persona.

La responsabilità e la capacità di autocontrollo da parte di ciascun alunno sono le condizioni principali per non trasgredire queste regole.

Il diario scolastico è un documento ufficiale: deve essere utilizzato e custodito con il massimo ordine e la massima cura: non può essere “pasticciato”, o utilizzato in modo improprio.

Le comunicazioni tra scuola e famiglia verranno effettuate tramite circolari numerate. Sarà cura del genitore prenderne visione e firmare gli spazi destinati a questo scopo. Tali comunicazioni verranno inserite nell’apposita cartelletta che l’alunno porterà sempre con sé.

Sarà anche cura dei genitori firmare per presa visione tutti i voti, sul diario, negli spazi destinati, e sulle verifiche che verranno consegnate ai ragazzi, inserite nella cartelletta e restituite la lezione successiva.

Altre annotazioni possono essere riportate nelle pagine destinate a: “Comunicazioni scuola-famiglia” e vanno anch’esse firmate.

Sarà cura dell’insegnante tutor controllare periodicamente i diari, in particolare le firme dei genitori. Verrà tempestivamente comunicata alla famiglia ogni irregolarità che verrà riscontrata.

Tutte le comunicazioni tra la scuola e la famiglia verranno anche inserite sul sito della scuola (www.rezzarascuole.it) : invitiamo i genitori ad utilizzarlo per essere certi di essere informati sulla vita scolastica.

ORARIO DELLE LEZIONI, RITARDI, USCITE, ASSENZE, ESONERI

  1. Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 13.30 e quattro sabati mattina, dalle ore 8.00 alle ore 13.00. All’inizio delle lezioni ci saranno due suoni di campanello:
    1. ALLE ORE 7.55 suonerà il primo campanello e gli alunni inizieranno ad entrare in classe e a prepararsi ordinatamente per le lezioni;

    1. ALLE ORE 8.00 inizieranno le lezioni precedute dalla preghiera. Da questo momento, ogni ritardo dovrà essere giustificato. I buoni pasto vanno assolutamente imbucati prima di entrare in classe.
  1. Se arriva in ritardo, l’alunno viene ammesso alle lezioni solo con la giustificazione scritta di uno dei due genitori sui moduli allegati al diario e vistati dal preside o dal docente presente in classe. Gli alunni possono lasciare la scuola prima del termine delle lezioni solo eccezionalmente e su richiesta scritta da parte del genitore tramite i moduli allegati al diario (vedi richiesta entrata/uscita fuori orario). In caso di ritardi dei mezzi pubblici di trasporto, la giustificazione deve essere portata il giorno dopo.
  2. Le famiglie di alunni che usufruiscono di treni e di autobus extraurbani, qualora sia impossibile o particolarmente gravoso rispettare l’orario stabilito, ne danno segnalazione alla presidenza che valuterà caso per caso la possibilità di concedere un formale permesso di entrata posticipata o di uscita anticipata di qualche minuto.
  3. Le assenze sono giustificate tramite il modulo allegato al diario sottoscritto dal genitore e presentato al docente della prima ora. Per assenze frequenti o di lunghi periodi è fatto obbligo al genitore di comunicare con la scuola per dichiararne la motivazione.
  4. L’esonero parziale e temporaneo o permanente e totale delle attività pratiche di Educazione Motoria potrà essere concesso alle seguenti condizioni: a) richiesta scritta alla Presidenza firmata dal genitore o da chi ne fa le veci. b) certificazione del medico curante che proponga la concessione dell’esonero permanente o temporaneo, parziale o totale.
  5. Restano a scuola nell’intervallo per il pasto e la ricreazione gli alunni che partecipano a tutte le attività pomeridiane.
  6. Uscite sporadiche riguardanti l’intervallo del pranzo, così come assenze o uscite anticipate riguardanti le attività pomeridiane vanno ogni volta giustificate con una comunicazione scritta sul diario (sezione: comunicazioni scuola-famiglia) e presentate all’insegnante dell’ultima ora di lezione del mattino.
  7. E’ possibile usufruire del servizio mensa anche per chi ne avesse stabilmente bisogno pur non frequentando le attività pomeridiane: occorre presentare una richiesta specifica.

NORME DI COMPORTAMENTO

1) L’ambiente frequentato quotidianamente dall’alunno – aula, sala mensa, aula magna, ecc… - non deve essere imbrattato, manomesso o rovinato.

2) E’ tassativamente proibito usare il telefono cellulare durante la permanenza dell’alunno nell’ambiente scolastico, diversamente esso verrà ritirato e riconsegnato solo ai genitori e verrà stabilita la sanzione adeguata ad una simile grave scorrettezza. Nell’ambiente della scuola è assolutamente vietato l’uso di qualsiasi strumento atto alla ripresa e alla riproduzione audio e video.

3) Durante le lezioni l’alunno non può, se non per grave motivo, uscire dalla classe; durante il cambio dell’ora è proibito uscire dalla classe e circolare nei corridoi, gridare o giocare.

4) Durante le ore di lezione ciascun alunno deve dipendere totalmente dall’autorità del docente e obbedire alle disposizioni che egli darà per lo svolgimento ordinato della lezione stessa.

5) Le visite di istruzione sono da considerare esperienze didattiche: solo per motivi gravi e documentati dalla famiglia, è possibile l’esonero dalla loro partecipazione. Gli alunni che non avranno consegnato la regolare autorizzazione firmata dal genitore, non potranno partecipare alle visite di istruzione o alle uscite di qualsiasi genere.

6) Gli alunni sono tenuti ad indossare abiti decorosi e rispettosi dell’ambiente e delle persone. Per le attività sportive e di Educazione Motoria è necessario utilizzare un corredo adeguato.

7) Tutto il materiale da lasciare a scuola deve essere riposto negli armadi secondo le indicazioni dei docenti. Per motivi di ordine e per permettere un’adeguata pulizia delle aule, non può essere lasciato nulla sotto al banco. Gli oggetti dimenticati vengono ritirati e riconsegnati dietro richiesta dei genitori. La scuola non risponde per eventuali smarrimenti di oggetti personali degli allievi.

La trasgressione a queste regole comporta l’applicazione di sanzioni disciplinari.

SANZIONI DISCIPLINARI

a) Richiamo verbale

b) Comunicazione scritta sul Diario ai genitori.

c) Comunicazione scritta sul Registro di Classe.

d) Convocazione in Presidenza.

e) Convocazione della famiglia a colloquio con un docente del Consiglio di Classe o con la Preside.

f) Sospensione dall’attività scolastica per uno, due, tre, sei, quindici giorni.

g) Decisione del Consiglio di Classe per il 5 in condotta e la conseguente non ammissione dell’alunno alla classe successiva.

h) Espulsione dalla scuola.

CHI APPLICA LE SANZIONI

  1. Il docente della specifica disciplina
  2. Il Consiglio di Classe
  3. Il Collegio Docenti
  4. La Preside.

 

 
Torna alla pagina precedente